Ortona, buona prova per i Laser

La squadra Laser del Circolo Nautico “Amici della Vela” – sempre sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmo di Ravenna – ha partecipato alla sua prima regata nazionale: l’ultima tappa dell’Italia Cup, andata in scena nello scorso weekend ad Ortona, in Abruzzo.

Una regata che si è svolta in condizioni difficili: a tratti con vento forte, a tratti anche con poco vento e moltissima corrente, il tutto condizionato da pioggia e temporali. Tre cervesi si sono qualificati per la fase finale nella flotta Gold: Tommaso Fabbri che ha chiuso al 11° posto, Federico Grilli al 20° e Matteo Chinni (nella foto) al 36°. Buoni risultati anche nella flotta Silver, grazie a Camilla Bernabei, Giulio Casetti e Simone Zamagna.

“Sono state regate difficili e i ragazzi hanno risposto nel migliore dei modi – commenta il coach Mirco Minotti -: gli allenamenti che ci hanno accompagnato a questo appuntamento hanno portato ai risultati sperati. Ora siamo motivati più che mai per preparare la stagione 2019: durante le prime prove nazionali ci sarà da conquistare i biglietti per il Mondiale in Canada e l’Europeo in Francia”.

Nuovo Libretto Elettronico – Scuola Vela d’Altura

Il Circolo Nautico Cervia ha creato un nuovo libretto elettronico per la Scuola Vela d’Altura, accessibile a tutti, che permette di tenere traccia del proprio percorso.

Per attivarlo è necessario registrarsi al seguente URL:
https://www.circolonauticocervia.it/formazione

Completata la registrazione sarà possibile caricare una propria foto ed aggiornare il profilo con i dati mancanti come, ad esempio, il tipo di patente nautica posseduta.
Sarà cura del Circolo Nautico Cervia, invece, aggiornare la sezione “Percorso” con le qualifiche e i corsi effettuati dai candidati.

Jorè vince la tappa del circuito J24

Nello scorso weekend, il Circolo Nautico “Amici della Vela” ha ospitato una tappa del circuito nazionale J24, alla presenza di 17 imbarcazioni. Nonostante il maltempo in arrivo, i regatanti sono riusciti a svolgere le sei prove in programma prima che le condizioni meteo peggiorassero.

Due imbarcazioni di casa sono salite sul podio, al primo e al terzo posto: si tratta rispettivamente di “Jorè”, timonata da Marco Pantano e armata da Alessandro Errani (giunta al primo posto in quattro prove su sei), e di “Four K”, di Stefano Leporati (che si è aggiudicato le altre due regate). La medaglia d’argento è andata a “Pilgrim”, armata da Mauro Benfatto con Fabio Mazzoni al timone, battente bandiera del GDV LNI di Mandello del Lario.

Da sottolineare anche la presenza di imbarcazioni provenienti da Brenzone, Trieste e Marina di Carrara.

A CERVIA IL CAMPIONATO ITALIANO J24 OPEN 2019

A Cervia il Campionato Italiano Open 2019 della Classe J24.

Dal 22 al 26 maggio nelle acque di Cervia Milano Marittima l’appuntamento clou della stagione italiana.

Cervia. Dopo ben tredici anni, il Campionato Italiano Open J24 torna in Adriatico: l’appuntamento clou della stagione italiana 2019 del Monotipo più diffuso al Mondo, infatti, si svolgerà dal 22 al 26 Maggio 2019 nelle acque di Cervia Milano Marittima.

Ad organizzare la manifestazione il Circolo Nautico “Amici della vela” Cervia che con una Flotta di ben quattordici imbarcazioni è diventato uno dei punti di riferimento in Adriatico per la Classe J24 ed è nota la cordialità e l’accoglienza del circolo romagnolo che si preparerà per dare il massimo sia per l’organizzazione a terra che in mare. Il periodo solitamente positivo per in vento e le non trascurabili correnti, renderà sicuramente le regate impegnative per tutti. La posizione centrale, l’interesse manifestato da alcuni equipaggi provenienti dall’estero e la presenza nel locale campionato invernale di sedici J24, desta un certo ottimismo per quanto riguarda il numero dei partecipanti.

“Il Circolo vanta l’organizzazione di regate quali la Primavela il CICO e Campionati Mondiali di classi Olimpiche. Cervia in primavera è un tappeto fiorito in riva all’Adriatico, una città giardino, oasi di serenità per piccoli e grandi ospiti.- ha spiegato Massimo Frigerio co-armatore con Viscardo Brusori di Ita 473 Magica Fata -Nove chilometri di ampie spiagge pulite, qualificate dalla bandiera blu e profumate dai pini che le circondano, sulle quali si affacciano Milano Marittima, Pinarella e Tagliata. L’antica”città del sale” è oggi uno dei più rinomati centri turistici italiani e gode di fama internazionale. Un’ampia gamma di servizi turistici e commerciali connota la realtà cervese: 120 ristoranti e pizzerie, 196 bar, 11 discoteche e sale da ballo, numerosi negozi e boutiques, che nei vari centri commerciali costituiscono la tradizionale meta di passeggiate e shopping. Per questo faremo tutto il possibile per organizzare una manifestazione per una classe che ha dimostrato, dopo un Campionato Mondiale con ben 90 partecipanti provenienti da tutto il mondo ed un altissimo livello tecnico, di essere e di meritare il massimo della considerazione nel panorama velico Italiano.”

I regatanti J24 potranno testare l’organizzazione e l’ospitalità del Circolo Nautico “Amici della vela” Cervia partecipando alla quinta prova del Circuito Nazionale 2018, la tradizionale Regata Nazionale che si svolgerà a Cervia dal 20 e il 21 ottobre (la tappa è stata posticipata per permettere agli equipaggi J24 di partecipare alla Barcolana di Trieste). La prossima manche del Circuito J24, invece, è in programma sul lago di Garda il 29 e il 30 settembre e sarà la Coppa Italia, piacevole riconferma organizzata dal Circolo Nautico Brenzone. Archiviata la tappa sull’Adriatico il Circuito proseguirà a Marina di Carrara dove, il 27 e 28 ottobre, il locale Club Nautico M.C. organizzerà la Regata Nazionale. La settima tappa, invece è una novità: la trasferta nello stupendo Golfo Aranci dove il 10 e l’11 novembre, la Sezione di Olbia della Lega Navale Italiana ospiterà la Regata Nazionale. Il Circuito 2018 si concluderà con la riconferma pugliese della Regata Nazionale nell’accogliente rada di Mar Grande proposta l’1 e il 2 dicembre dal Circolo Velico Ondabuena Academy di Taranto.

Optimist, successo di squadra a Cattolica

Grandi soddisfazioni per la squadra agonistica Optimist del Circolo Nautico “Amici della Vela” (sempre sostenuta dalla Fondazione Casa di Risparmio di Ravenna) alla Coppa d’Autunno di Cattolica, a cui hanno partecipato ben 55 imbarcazioni.

Tra gli Juniores, trionfo cervese con Kenje Werpers  sul primo gradino del podio, mentre Gregorio Penso è giunto secondo fra i Cadetti. Il Circolo cervese è stato premiato anche come squadra più numerosa e ha ricevuto anche il premio per il Cadetto regatante più giovane, Andrea Teodorani.

Tra i primi dieci dei i Cadetti sono entrati Achille Barberini, quinto classificato, e  Olivia Spirito, settima assoluta e seconda tra le femmine; tra gli Juniores, Edoardo Toledo, Gianmichele Bartolini e Riccardo Prati, giunti in ordine fra il settimo e il nono posto.

“Sono molto soddisfatto, non solo per i risultati di rilievo ma soprattutto per la prova di tutti i ragazzi della squadra, compresi i più piccoli, che stanno facendo esperienza e sono il futuro della nostra squadra – sottolinea coach Nicola Bissi -. Inoltre, questa zonale conferma i grandi miglioramenti che stiamo facendo al termine della stagione estiva”.

Fabbri domina l’ultima zonale

Si è svolta a Cesenatico l’ultima regata zonale Laser della stagione, caratterizzata dal poco vento. Per la squadra del Circolo Nautico “Amici della Vela” (sempre sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna), ottima prestazione per Tommaso Fabbri, primo assoluto, e Matteo Chinni, giunto quarto ma a pari merito con la terza classificata. Buone performance anche per Federico Grilli, Camilla Bernabei e Silvana Pomicetti.

“Per noi è stato il test finale della preparazione estiva in vista dell’ultima regata della stagione, che si terrà ad Ortona ai primi di novembre – sottolinea il coach Mirco Minotti -. Per diversi dei nostri ragazzi sarà la prima gara a livello nazionale, e la voglia di farsi trovare pronti è tanta!”.

Rusticali-Komatar vincono il Trofeo Bianchetti

Si è conclusa la seconda edizione del Trofeo Simone Bianchetti, regata in doppio riservata alla Classe Mini 6.50 ed organizzata dal Circolo Nautico “Amici della Vela” di Cervia in collaborazione con MARINARA, il Porto Turistico di Ravenna, che ha portato in mare 9 equipaggi suddivisi nelle due categorie Serie e Proto.

Dopo la partenza da Ravenna con vento debole gli equipaggi hanno raggiunto, molto lentamente, il cancello davanti al porto di Cervia per poi puntare al largo verso l’isola del Sansego, dove la situazione meteo di venti variabili e molto deboli ha costretto ad un cambio di percorso. Dopo il giro dell’isola croata infatti i ministi hanno fatto rotta diretta su Cervia per il taglio del traguardo.

Ancora una volta un capriccioso Adriatico ha impegnato gli equipaggi in una navigazione sempre alla ricerca del vento che si è presentato solo nella seconda giornata.

Entusiasmante e combattuta fino all’ultimo miglio la regata condotta dai cinque Mini della Categoria Prototipi. A prendere subito il comando è ITA 304 Satanas NPS capitanato da Cesare Bressan e Manuel Polo che dopo la meda di Cervia inizia a guadagnare vantaggio sul resto della flotta. A poca distanza inizia così un alternarsi tra ITA 342 Arkè (il cervese Luca Rosetti e Matteo Sericano), ITA 444 Spot Aeronautica Militare (Matteo Rusticali e Francesca Komatar), ITA 188 Aquilante (Pierantonio Chiericato con Alessandro Suardi) e ITA 567 Meteor (Stefano Piccari e Marco Rusticali). Ma è dopo il Sansego che ITA 304 Satanas NPS resta prigioniero in una bolla di poco vento. Un ritorno verso Cervia, relativamente più veloce, porta un recupero con conseguente taglio del traguardo in prima posizione e primo assoluto di ITA 444 Spot Aeronautica Militare di Rusticali-Komatar. Chiude in seconda posizione ITA 304 Satanas NPS, con un vantaggio di soli 10 minuti su ITA 342 Arke’ che chiude il podio conquistando la medaglia di bronzo.

Nei Serie vince il Pogo 2 ITA 488 ZEBULON di Alessio Campriani e Francesco Guidetti seguito da ITA MONSTER capitanato da Maurizio Moccia e Andrea Di Giuliomaria. Ottima la prestazione di ITA 398 Liska di Francesco Bertotti e Matteo Molinaro che a causa di un piccolo incidente hanno ricevuto assistenza dalla barca appoggio non entrando quindi in classifica.

La premiazione si è svolta presso la sede del Circolo Nautico “Amici della Vela” di Cervia alla presenza anche del Presidente della Classe Mini 6.50 Italia Ambrogio Beccaria, reduce da una bellissima stagione che lo ha visto sul podio di tutte le più importanti regate di categoria.

Il Trofeo Simone Bianchetti è un tributo al navigatore romagnolo attraverso due elementi importanti della sua carriera; il mare Adriatico, dove è nato e cresciuto, e il Mini 6.50 con il quale partecipò alla Transat del 1995.

Cinema di mare nel cuore di Bologna

E’ in programma da domani, martedì 18, a giovedì 20 settembre, nei Giardini del Baraccano in via Santo Stefano 119/2, la rassegna cinematografica “Com’è profondo il mare – cinema, documentari e storie di mare”, organizzata da Velasail.it in collaborazione con Aics, Circolo Nautico Cervia e Compagnia dell’Altura.

 

Si parte domani sera con “Le grand bleu”, capolavoro del regista francese Luc Besson, che aprì il Festival di Cannes 1988. Interpretato da Jean-Marc Barr e Jean Reno, racconta lo storico dualismo fra i grandi apneisti Jacques Mayol ed Enzo Maiorca (anche se quest’ultimo, nel film, non viene citato col suo nome: il “vero” Maiorca si oppose alla pellicola e ne ottenne il bando in Italia per diversi anni).

Mercoledì 19 è la volta di un cult movie immortale: “Un mercoledì da leoni” di John Milius, la storia di tre giovani campioni di surf in California, che si interrompe quando uno dei tre è costretto a partire per il Vietnam. Un grande film di formazione, ma anche un atto d’amore verso il surf il cui fascino è rimasto intatto negli anni.

Giovedì 20, infine, si cambia registro: il recente “Un mare di plastica” di Eugenio Fogli è infatti un documentario sul problema sempre più drammatico dei rifiuti in mare (la serata è in collaborazione con Sea Sheperd).

 

Tutte le proiezioni iniziano alle 21,

 

—-

 

Velasail.it è un’associazione sportiva dilettantistica bolognese fondata nel 2008 da un gruppo di amici, tutti soci del Circolo Nautico “Amici della vela” di Cervia, con lo scopo di promuovere la cultura del mare, l’andar per mare, a vela e la difesa del mare. La presiede Francesco Delli Santi, istruttore federale di deriva e vela d’altura. Ha al suo attivo numerose navigazioni in Mediterraneo, Caraibi, Polinesia e due traversate atlantiche.

 

Velasail.it sin dalla sua nascita ha partecipato a numerose regate della categoria J24 con l’equipaggio di Kils e oggi di Magica Fata. E’ recente la sua partecipazione al campionato mondiale che si è tenuto a fine agosto a Riva del Garda.

 

Oggi Velasail.it ha sede in via Clavature, 18 presso il circolo culturale “Interno 18”, dove l’associazione ha in programma numerose iniziative per l’autunno e inverno. Incontri di approfondimento su come sono cambiati gli scafi di Coppa America, proiezione di film e documentari, serate dedicate alla navigazione astronomica, presentazione di libri di mare e incontro con protagonisti dell’andar per mare.

 

L’ambizione di Velasail.it, grazie anche al sodalizio con AICS provinciale e regionale, è di diventare un riferimento a Bologna per tutti gli appassionati di mare e di vela.

Velasail.it sta svolgendo con AICS e la collaborazione del Circolo Nautico Cervia, un lavoro di preparazione di numerose attività legate al mare e alla sua tutela. In cantiere c’è un corposo programma dedicato alla salvaguardia delle tartarughe in Adriatico e la realizzazione di iniziative finalizzate a mettere in contatto la vela con le associazioni che si occupano di disabilità di vario genere.

Un particolare ringraziamento va fatto ad un gruppo di appassionati che va sotto il nome di Compagnia dell’Altura che ha affiancato l’associazione nel lavoro di programmazione della rassegna “Come è profondo il mare”.

 

 

“Per quanto non si possa cogliere oggi, Bologna è stata una città d’acqua, non a caso esiste via del porto. La navigazione fluviale e per canali permetteva alle barche che trasportavano i prodotti di arrivare fino all’Adriatico – spiega il presidente di Velasail.it, Francesco Delli Santi -. Per noi che andiamo a vela e per tutti gli appassionati di mare questa della rassegna è una dichiarazione di amore per il Mare. Un’occasione per chiamare a raccolta tutti coloro che condividono questo amore, accogliere loro proposte, sogni, desideri, progetti per celebrare il Mare e contribuire a salvaguardarlo. Fatevi avanti!”.

Domani la premiazione del “Bianchetti”

Il giardino interno della sede del Circolo Nautico “Amici della vela” di Cervia, in via Leoncavallo, ospiterà nel pomeriggio di domani, domenica 16 settembre, la cerimonia di premiazione del secondo Trofeo “Simone Bianchetti”, in corso di svolgimento sul mare Adriatico.

L’iniziativa – a cui seguirà la un momento di festa fra tutti di gli equipaggi coinvolti – è in programma a partire dalle 14.

Per seguire in diretta l’andamento della regata, collegarsi al sito ufficiale della Classe Mini 6.50 www.classemini.it

Partito il secondo Trofeo Bianchetti

Nella giornata di oggi i Mini 6.50 si si sono ritrovati sulla linea di partenza della seconda edizione del Trofeo Simone Bianchetti, regata valevole per il Campionato Italiano della Classe Mini 6.50, che sotto la regia Circolo Nautico Cervia Amici della Vela ASD e con il supporto logistico e base nautica del Porto Turistico di Marinara vuole ricordare il navigatore romagnolo scomparso nel 2003.

Il percorso copre un totale di 280 miglia con partenza da Ravenna. Dopo il primo way point a Cervia i ministi hanno lasciato la costa per prendere il largo verso la Croazia, per raggiungere prima l’isola del Sansego e poi traguardare Sestrica Mala. Dopo questo ultimo passaggio lungo le isole Incoronate si farà rotta nuovamente verso Cervia dove gli equipaggi chiuderanno la regata con il taglio del traguardo.

I Mini 6.50, che correranno in doppio, saranno quindi impegnati in una navigazione che interesserà sia una parte di percorso lungo le due coste, quella italiana e quella croata, che una parte di altura. Correnti, brezze e orografia saranno gli elementi da studiare per pianificare la giusta strategia, in perfetto stile adriatico.

Le barche sono suddivise in due categorie, prototipi e serie, dove la parola d’ordine sarà vintage, termine con il quale vengono descritti i Mini 6.50 con più miglia sotto la chiglia e non di nuovissima generazione, ma che ancora dimostrano le qualità e le caratteristiche per poter essere barche competitive.

Nei proto il parterre si presenta interessante sia per la tipologia di barche che per gli equipaggi.

Il cervese Luca Rosetti, del Circolo Nautico “Amici della Vela”, skipper di ITA 342 Arkè, ha scelto come co skipper Matteo Sericano e saranno sicuramente uno degli equipaggi da guardare con attenzione. I due velisti rappresentano la nuova generazione e hanno già fatto sentire la loro presenza nella Classe soprattutto durante questa stagione.

Tanto Adriatico a bordo di ITA 444 Spot Aeronautica Militare con Matteo Rusticali e Francesca Komatar, altro equipaggio interessante e che potrebbe avere voce in capitolo in condizioni tipiche di questa zona.

Un ritorno ai Mini per Cesare Bressan, che a bordo di Satanas – NPS ITA 304, sarà accompagnato dal giovane Manuel Polo. Equipaggio proveniente dall’Alto Adriatico e quindi ben rodato per questa regata, come anche ITA 188 Aquilante di Pierantonio Caricato e Alessandro Suardi.

Chiude la presenza nei proto ITA 567 Meteor con Stefano Piccari e Marco Rusticali.

Anche nei serie la forte presenza adriatica e la tipologia di barche promette una battaglia già aperta tra i team dove abbiamo ITA 398 Liska con Francesco Bertotti e Matteo Molinaro, ITA 408 Antigua con Daniele Balzanelli, ITA 488 Zebulon con Alessio Campriani e Francesco Guidetti, ITA 323 Mor Bian di Roberto Ghini e Matteo Sassi e ITA 600 Monster di Maurizio Moccia e Andrea Di Giuliomaria.

La regata, giunta alla seconda edizione, è un tributo a Simone Bianchetti attraverso due elementi importanti della sua carriera di navigatore solitario; il mare Adriatico, dove è nato e cresciuto, e il Mini 6.50 con il quale partecipò alla Transat del 1995.

Sarà possibile seguire la regata in tempo reale grazie al tracking online visibile sul sito ufficiale della Classe Mini 6.50 www.classemini.it