">
  • Una Primavela complicata

    Una Primavela complicata

    Si è conclusa nello scorso weekend l’edizione 2016 della Primavela, importante manifestazione comunemente riconosciuta quale Campionato Italiano Cadetti. Il luogo di svolgimento, Trieste, non è un dettaglio, perché le difficili condizioni del Golfo hanno condizionato in modo deciso le regate – sono state disputate quattro prove, con il maestrale a sovrapporsi alle raffiche residue di bora, con salti notevoli e ancor più notevoli variazioni di intensità – favorendo risultati non proprio prevedibili alla vigilia: in tutte le categorie d’età l’hanno fatta da padrone gli atleti di casa, abituati ad un contesto così complesso e singolare.

    Tra i 2005 netto il dominio del triestino Antoniazzi, tra i 2006 trionfo del triestino Centazzo, mentre tra i più piccoli ha vinto il crotonese Balzano.

    Per i giovani cervesi nessuna medaglia, anche se il decimo posto di Kenje Werpers e l’undicesimo di Giacomo Guardigli, ad un punto dal compagno, rappresentano in assoluto i migliori risultati raccolti dagli atleti dell’XI Zona in tutte le tre categorie. Tra i 2007, Gregorio Penso ha chiuso al 29° posto una regata che lo ha visto occupare anche la diciannovesima posizione il giorno prima.

    “Va segnalato – sottolinea il coach cervese Nicola Bissi – che la complessità del campo non ha risparmiato neppure gli atleti più forti dei circoli più affermati, come gli amici di Riva del Garda, che escono da questa tre giorni con parecchi elementi su cui recriminare. Peccato, perché questo evento che rappresenta il più importante appuntamento della stagione avrebbe meritato condizioni più “sincere” nelle quali, forse, i timonieri che meglio si sono espressi nel corso della stagione, compresi i nostri atleti, avrebbero potuto esprimere tutto il proprio potenziale”.

    In chiusura, una nota decisamente positiva: la regata di Trieste concludeva un trittico di prove di selezione per il GAN, il Gruppo Atleti Nazionale, per individuare i tre cadetti che entreranno a farne parte per il 2017: il cervese Giacomo Guardigli si è qualificato nel terzetto, assieme ad Agata Scalmazzi e Mattia Cesana della Fraglia Vela Riva del Garda.