">
  • Il Mondiale secondo Walter Cavallucci

    Il Mondiale secondo Walter Cavallucci

    È ravennate, Walter Cavallucci, ed è consigliere federale; nonché membro dell’Isaf, l’organizzazione mondiale della vela. Scontato, dunque, che abbia tifato per Cervia come sede di questi mondiali e che sia qui in prima fila a verificare di persona lo svolgimento della competizione.


    Come vanno le cose dopo due giorni di gara? 

    Molto bene, direi, nonostante il meteo non sempre perfetto. Ma si sono svolte comunque quattro prove valide dal punto di vista tecnico e i migliori stanno già emergendo. Certo, da membro della Federazione Italiana spero che i nostri portacolori possano risalire un po’ la china: devo dire che una speranza di podio la nutro.


    Il Circolo Nautico “Amici della Vela” sta organizzando con grande passione. 
    Intanto è una soddisfazione enorme avere portato qui a Cervia un mondiale. Poi devo confermare l’ottimo livello organizzativo. Soprattutto il fatto che qui in Romagna stiamo puntando sulle cose che sappiamo fare bene, dall’ospitalità all’enogastronomia: ieri sera per esempio tutti i giudici sono stati ospiti con tagliatelle al ragù e credo sia una di quelle cose che ricorderanno volentieri! Poi e’ vero che dall’ambiente economico cervese mi sarei aspettato un po’ più di attenzione verso questo evento, che porta centinaia di ragazzi da tutto il mondo e ci permette una vetrina internazionale.

    Che prospettive vede per la vela italiana. e per questo mondiale in particolare?
    Credo che soprattutto a livello giovanile la nostra vela sia da qualche tempo ai vertici assoluti, e ne sono molto contento. Come ripeto, se poi qui a Cervia riuscissimo anche a salire sul podio, sarei davvero contentissimo!